Vin Santo

Torgiano Vin Santo DOC

Passito di colore ambrato con caldi riflessi dorati, intense note aromatiche che ricordano l’albicocca, il fico secco e la confettura bianca con note di miele e fiori gialli nel finale. Al gusto presenta una equilibrata concentrazione zuccherina, con acidità lievemente agrumata e intense note fruttate; ha lunga persistenza nel finale e raffinata dolcezza. Se ben conservato, è vino di lunga vita.

Uve

Trebbiano e Grechetto da vigneti allevati a doppio Guyot. In settembre le uve sono raccolte a mano in cassette, e poi disposte su graticci per 3 mesi in ambiente ventilato in modo da evitare formazione di muffe

Vinificazione

Cernita attenta delle uve, pressatura diretta in torchi verticali idraulici, con resa del 25%; fermentazione lenta in barrique. L’affinamento si svolge in barrique di rovere, di cui il 10% è in legno nuovo, per 30 mesi

Abbinamenti

formaggi stagionati, erborinati e foie gras oltre a dolci secchi e crostate. Inusuale in abbinamento allo speck con risotto mantecato.

Formato

ml 375

Curiosità

Il Vin Santo è di antica tradizione in Italia centrale, come è testimoniato nel Museo del Vino a Torgiano, dove una ricca raccolta di ferri da cialda ne racconta l’uso: tradizionalmente infatti questo vino passito entra nella pastella con cui si prepara la cialda. In etichetta è riprodotto un particolare di ferro da cialda del XVI sec. conservato al MUVIT – Museo del Vino della Fondazione Lungarotti.

Downloads

Schede vino, etichette e bottle cut

apri la chat
Lungarotti chat
Buongiorno!
Come possiamo aiutarla?